Teleriscaldamento: la nuova rete è la prima infrastruttura che collega Rho al sito MIND

Terminati i lavori di estensione della rete di teleriscaldamento NET che allaccerà il nuovo Ospedale Galeazzi e l’area MIND, al confine tra i Comuni di Rho e Milano: un importante obiettivo raggiunto per NET, per l’Amministrazione comunale e per l’ambiente.


Rho, 08/09/2021


162 i giorni trascorsi dalla consegna dei lavori al termine delle opere: 5 mesi per realizzare, con rapidità ed efficienza, 3 km di rete di teleriscaldamento, rendendo disponibile per il nuovo Ospedale Galeazzi, per l’area MIND e per le future utenze dell’area Mazzo-Risorgimento una potenza termica pari a 20 MW.


È stata costruita in quest’arco di tempo la nuova dorsale di teleriscaldamento, estensione della rete NET da Mazzo all’area EXPO 2015, attraverso la zona industriale est del Comune di Rho, fino al limite del territorio al confine con Milano. Lungo il tracciato sono stati predisposti gli stacchi per collegare il Nuovo Ospedale Galeazzi e la futura centrale tecnologica del MIND; la rete sarà in grado di servire anche le utenze dell’area industriale Risorgimento ed il carcere di Bollate, qualora vorranno avvalersi del servizio offerto dalla rete cittadina.


I lavori, del valore complessivo di oltre due milioni di Euro, realizzati da Edil Costruzioni Cuoco Srl e da Arco Costruzioni Generali Spa, sono stati condotti, in contemporanea, lungo due distinti fronti di scavo, con un costante coordinamento tra NET, le imprese e l’Amministrazione comunale, per ridurre il più possibile i disagi alla circolazione, rispettando altresì i vincoli temporali imposti dalle necessità dell’utente finale, e terminando addirittura in anticipo sui tempi contrattuali.


Il collegamento, favorito dal cospicuo contributo economico versato dall’Ospedale Galeazzi, si inserisce nell’ambito di un accordo stretto tra NET e A2A Calore e Servizi, grazie al quale NET continuerà a fornire il teleriscaldamento sul territorio dei Comuni soci per i prossimi 20 anni, utilizzando il calore recuperato dal termovalorizzatore “Silla 2” quale principale fonte di energia termica, mettendo al contempo a disposizione di A2A la propria rete per il transito dell’energia verso nuove utenze in prossimità del confine comunale.


Il totale recupero del calore proveniente dal trattamento dei rifiuti solidi urbani fa del teleriscaldamento di NET un sistema a zero emissioni aggiuntive, grazie all’utilizzo di una fonte energetica disponibile sul territorio, che altrimenti verrebbe dispersa nell’ambiente: un chiaro e importante esempio di energia sostenibile e di economia circolare.


La potenza resa disponibile tramite la rete di teleriscaldamento consentirà di risparmiare, a regime, fino a 3280 tonnellate l’anno di CO2 immesse in atmosfera rispetto all’utilizzo di combustibili tradizionali, con indubbi vantaggi ambientali ed economici.

Il collegamento dell’area Galeazzi/MIND al sistema di teleriscaldamento NET rappresenta non solo un’infrastruttura ad alta valenza tecnica ed ambientale, ma anche la cucitura tra il centro storico del Comune di Rho e le nuove aree di sviluppo periurbano, un vero e proprio legame tra la storia di Rho ed il suo futuro, con uno sguardo proteso verso nuove opportunità, tutte da realizzare.


Con oltre 280 sottostazioni installate e circa 6,5 milioni di metri cubi di volumetria riscaldata attraverso la sua rete, NET, società partecipata dei Comuni di Rho, Pero e Settimo Milanese, contribuisce costantemente al miglioramento della qualità dell’ambiente con un risparmio annuo di 10.000 tonnellate di CO2 grazie alla dismissione delle vecchie caldaie a gas e/o gasolio.


Il teleriscaldamento è un sistema efficiente e sostenibile, una tecnologia consolidata, che garantisce sicurezza, risparmio energetico e tutela ambientale all’intero territorio delle città.

LEGGI ALTRI COMUNICATI STAMPA

 

Post recenti